Caro Twitter ti amo, ma…

8346162027_c9acbe2ffc_o

Questa è una lettera d’amore aperta a Twitter, il mio social network preferito in assoluto, che spero si ravveda un po’ perché sta facendo un sacco di cazz di cose incomprensibili ultimamente. Perché purtroppo, anche ai migliori può capitare di perdere la ragione, e a volte non si può fare molto se non sperare che si ravvedano, tornando sulla retta via. Continua a leggere

Maison Martin Margiela for H&M

La capsule collection che Maison Martin Margiela ha realizzato per H&M sarà venduta in 230 store in tutto il mondo a partire dal prossimo 15 novembre. Nel frattempo potrete dare un’occhiata alla campagna realizzata a Parigi nel mese di luglio da Sam Taylor-Johnson e sotto la direzione creativa di Markus Kiersztan. Oggi sono state diffuse le prime immagini della collaborazione tra MMM ed il brand low cost, caratterizzate da un’atmosfera minimal e ricercata in linea con lo stile della maison.

Continua a leggere

Rip Anna Piaggi

In un caldo pomeriggio di agosto passato nelle lande sperdute (aka mio paese natale) apprendo dal twitter di Paola Bottelli che è morta Anna Piaggi, una delle più iconiche figure dell’editoria di moda.
Era impossibile non notarla alle sfilate, seduta in prima fila con i suoi look stravaganti. Prima ad utilizzare la parola “vintage”, Anna Piaggi ha iniziato la propria carriera come traduttrice per Mondadori. Il suo contributo più noto è costituito dalla rubrica “D.P. Doppie Pagine di Anna Piaggi” su Vogue, e nel 1986 ha ispirato Karl Lagerfeld che le ha dedicato il libro Anna-chronique.

20120807-150602.jpg
Anna Piaggi, 1931-2012

Fashion week wars: Pitti vs London Collections

Non hanno fatto in tempo a raffreddarsi gli animi dopo le diatribe tra CNMI, CFDA (Council of fashion designers) e BFC (British fashion council) sul calendario donna che spunta fuori un altro contrasto. Questa volta la guerra vede schierati, su fronti opposti, Firenze con Pitti Uomo e Londra con London Collections.

Continua a leggere

News of the day, 31/07/2012

Il cashmere premia i talenti del knitting. Alcuni studenti del corso di Knitwear della Central Saint Martins di Londra sono stati chiamati ad interpretare il prezioso filato in occasione del primo Cashmere District Award ideando alcuni modelli ispirati alla grande tradizione italiana. Il contest internazionale è stato voluto da Umbria Trade Agency, ed ha visto salire sul podio Carrie-Ann Stein (UK) , Wilson Li P. K. (Corea) e Ashley Kang (Cina). In giuria erano presenti Brunello Cucinelli, Anna Zegna, Marcella Gabbiano e Renata Molho, tra l’altro  coordinatrice del progetto; l’evento si è tenuto all’interno della Rocca Paolina. “Promuovere nuovi talenti attraverso l’eccellenza del distretto produttivo umbro del cashmere è una combinazione appassionante che consente di far conoscere agli stilisti del futuro la tradizione produttiva regionale. Siamo felici dell’esperienza con la Central Saint Martins, che segna la prima tappa di un percorso internazionale che ci auguriamo essere utile a rafforzare il distretto che grazie ad imprenditori illuminati, creativi e tenaci, testimonia al meglio i valori di qualità del nostro territorio” ha affermato Gianluigi Angelantoni, presidente dell’Umbria Trade Agency. Per la prossima edizione è prevista la collaborazione con la Parsons school di New York.

Photo by Vogue.it Continua a leggere