5 cose che dovresti imparare da Peggy Olson

Prima di Sheryl Sandberg, c’era Peggy Olson. O almeno, ci sarebbe stata se non fosse che si tratta di un personaggio fittizio. Per chiunque viva sotto una roccia e non abbia mai visto una puntata di Mad Men (e se lavorate nel marketing/advertising/comunicazione dovete necessariamente guardare Man Men, senza “se” e senza “ma”), Peggy è uno dei personaggi chiave della serie targata AMC (la stessa rete di Breaking Bad e The Walking Dead, per intenderci) che, partendo dal 1960, racconta la storia americana attraverso un’agenzia pubblicitaria, originariamente la Sterling Cooper – assetto societario e nome cambieranno un bel po’ di volte. All’inizio del serial, nel 1960, Peggy Olson (interpretata dalla bravissima Elisabeth Moss) è la neoassunta segretaria di Don Draper, il direttore creativo. Ventenne, totalmente sprovveduta, insomma la novellina dell’ufficio.

Io, che con i telefilm sono compulsiva, me lo sono guardato tutto d’un fiato attraverso sessioni intensive di binge-watching e (grazie a Netflix, lavoriamo nel marketing e non si pirata!) dopo essere arrivata alla 6 stagione non posso che essere affascinata da questo personaggio, che si è evoluto come nessun altro dei protagonisti. E che potrebbe dare ancora oggi lezioni per quel che riguarda l’autopromozione e la capacità di saper valorizzare le proprie competenze.

4741_4318_480-gif“I’m Peggy Olson and I want to smoke some marijuana”.

Continua a leggere

Annunci

Se ancora non avete fatto il cambio dell’armadio, Private Griffe vi fa un regalo

Cambio dell’armadio: avevamo già parlato di questo argomento, e lo so, lo so che per molte è doloroso. Io stessa continuo a procrastinare (che brutta persona che sono). Però siamo praticamente in estate, devo decidermi, e penso che questo weekend sistemerò in maniera definitiva (vabbeh, fino a ottobre-novembre prossimo) il mio guardaroba. E, visto che userò il mio collaudassimo sistema, magari ci viene fuori pure qualche bell’abitìno che non uso più; è sicuro che capiterà. Perché ricordate: dopo due stagioni che non indossate qualcosa, forse è il caso di donargli una vita migliore. Tipo provando a mettere in vendita i vostri vecchi vestiti su Private Griffe (di cui vi avevo già parlato), visto che fino a domani per i capi messi in vendita si avrà diritto ad uno sconto del 10%* su futuri acquisti da effettuare entro il 30 giugno. Quindi correte a fare ‘sto cambio dell’armadio (dopo aver finito di leggere il mio post, ovviamente).
Insomma, fatelo! Perché anche se vi siete affezionate ad un abito o ad un accessorio, se non lo indossate più è giusto dargli l’opportunità di essere amato ancora. Sì, quando si parla di vestiti divento sentimentale, che vogliamo farci.

E se ancora non sapete da che parte cominciare (seriamente? con tutti i consigli che vi ho dato?), guardate che bellina che è questa infografica: scusate ma con me una roba così fa colpo subito.

infografica

Continua a leggere

E’ per il bene della scienza.

Non sono una persona molto timida. Ma, quando vedo una macchina fotografica materializzarsi, io mi smaterializzo. Scappo via, rifuggo l’obbiettivo perché lui non mi ama e io non amo lui. Potete perciò capire quale patimento d’animo possa essere per me fare le fototessere per i documenti; quelle lì ti restano nel portafoglio per anni, e di certo la macchinetta automatica non è il migliore set fotografico del mondo.
Anche voi soffrite della mia stessa “allergia”? Forse non vi risolverò tutti i problemi, ma spero con questo tutorial gentilmente offerto dai Makeup artist Lord & Berry di riuscire almeno a farvi risultare più splendenti che mai al prossimo rinnovo della patente!

CIMG7843La temutissima macchinetta (notare la mia estrema naturalezza alla Pinocchio) Continua a leggere